Nuove regole per “Rottamare le Cartelle”: più tutele per il contribuente

 In Blog, In evidenza, Le imprese e il lavoro

Disponibile il nuovo modello di domanda per risolvere il debito senza sanzioni o interessi

È on-line sul sito dell’Agenzia delle Entrate il modello per presentare domanda di adesione al nuovo provvedimento che consente di pagare l’importo del debito senza corrispondere le sanzioni e gli interessi di mora.

La nuova Legge n. 172/2017 ha stabilito che rientrano nell’ambito applicativo della “rottamazione” i carichi affidati all’Agente della riscossione dal 1° gennaio 2000 al 30 settembre 2017. Fanno eccezione, ovviamente, i carichi “non rottamabili” come, ad esempio, le somme dovute a titolo di recupero di aiuti di Stato oppure i crediti derivanti da pronunce di condanna della Corte dei Conti. Sono altresì esclusi dal provvedimento i carichi interessati da una precedente “rottamazione” che l’Agente della riscossione ha accolto oppure rigettato perché “non rottamabili”.

Chiunque voglia aderire alla “rottamazione”, quindi, non dovrà più corrispondere sanzioni e interessi di mora ma solo l’importo residuo delle somme dovute; anche per le multe stradali non si pagheranno gli interessi di mora e le maggiorazioni previste dalla legge.

L’Agenzia delle entrate-Riscossione avrà l’obbligo di comunicare al contribuente i carichi dell’anno 2017 per i quali non risulta ancora notificata la relativa cartella/avviso entro il 31 marzo 2018, pena la decadenza dell’intero importo dovuto.

Ti potrebbe interessare anche…
Attivato il nuovo sistema di deposito telematico dei brevettiProgramma per sostenere i marchi delle imprese italiane all'estero