In arrivo una legge per rafforzare le imprese culturali e creative

 In Blog, In evidenza, La ricostruzione

In Italia abbiamo la fortuna di avere un indiscusso patrimonio culturale, storico ed artistico che va tutelato e valorizzato.

La Camera dei Deputati ha approvato una Proposta di Legge, a prima firma dell’on. Ascani (PD) per il sostegno alle imprese culturali creative finalizzate a qualificare l’offerta, rafforzare l’imprenditorialità e promuovere l’occupazione soprattutto giovanile.

Già oggi “l’industria della cultura” nel nostro Paese dà lavoro a più di un milione e mezzo di persone, contribuisce per ben il 6% della ricchezza prodotta, pari a quasi 90 miliardi di euro; se si aggiunge poi l’ulteriore effetto moltiplicatore che essa è in grado di produrre sul resto dell’economia, si arriva ad un totale complessivo pari a quasi 250 miliardi di euro.

Il provvedimento definisce le finalità delle imprese culturali creative e prevede una serie di facilitazioni per le molteplici attività dell’impresa, tra cui la possibile concessione di beni demaniali dismessi e beni confiscati, previa partecipazione a bando pubblico.

A questo riconoscimento si è giunti grazie ad un confronto costante con le istituzioni (a cominciare dal Ministero dei Beni Culturali) e con l’ampio e variegato mondo degli operatori della cultura e, in generale, di coloro che fanno della creazione, della produzione, dello sviluppo e della diffusione culturale la propria attività economica. Il provvedimento passa ora al Senato per l’approvazione finale.

Ti potrebbe interessare anche…