Creare lavoro per le marche giuste

 In In evidenza, Le imprese e il lavoro

Il lavoro è un diritto esistenziale e per questo essenziale, è un ”bene fondamentale” per la dignità dell’uomo. È il lavoro che garantisce la crescita delle condizioni di vita personali, familiari e della collettività; è un “bene comune” che garantisce equità sociale.

Il lavoro non deve essere però sfruttamento ma strumento di sviluppo per tutta la comunità, un antidoto alla povertà; deve garantire dignità, gratificazione, un giusto compenso, sicurezza economica e stabilità.

Non c’è lavoro senza impresa e senza imprenditori. Le Marche sono ricche di tante piccole imprese. Sono convinto che per aiutarle a creare lavoro, le Istituzioni e chi in esse ha un ruolo, devono creare le condizioni e il contesto per favorirne la crescita.

Credo fermamente che il modello di sviluppo debba essere quello dell’impresa che crea “valore condiviso” in cui la sua presenza e il benessere della comunità circostante sono strettamente interconnessi. Un’impresa ha necessità di essere percepita come bene comune, ha bisogno di un contesto dove abbia facilità di investire e di innovare, in cui venga considerata una risorsa e non un problema, dove sia apprezzata come sorgente di posti di lavoro, di opportunità, di distribuzione di ricchezza e benessere.

Fra gli atti più significativi, in questi anni è stata approvata la legge che ha riformato il mercato del lavoro (il jobs act), quella sul lavoro autonomo e ha visto la luce il reddito d’inclusione.

Il confronto con le Associazioni di Categoria degli imprenditori, con le Organizzazioni sindacali e con gli Ordini professionali è stato, i questi anni, molto positivo e costruttivo.

Tantissimi miei emendamenti, Ordini del Giorno, Interrogazioni sono scaturiti da questi rapporti e hanno portato anche ad esiti positivi: penso all’accoglimento delle proposte su leggi significative come la delega per il nuovo Codice degli Appalti con i riferimenti alle micro e PMI, ai vari Milleproroghe, al Collegato Ambientale, alle leggi sul terremoto del Centro Italia ecc.

È il lavoro dà dignità all’uomo e non posso che pensare ai giovani; mi piacerebbe che questi anni fossero perciò ricordati come quelli dell’uscita dalla “grande crisi”, quelli in cui il sistema Italia ha ripreso a creare lavoro per garantire un futuro più sereno alle nuove generazioni.

Per quello che posso e che potrò, questo è e sarà un obiettivo prioritario delle “Marche giuste” che vorrei.

Post recenti
Approvato il Decreto Fiscale 2018Approvate nuove norme a tutela del consumatore sulle bollette di energia elettrica, gas e acqua.