venerdì , 22 settembre 2017
Home / CATEGORIE DEFINITIVE / Terremoto del 25 agosto 2016 / Un patto sociale per la ricostruzione post-sisma e per lo sviluppo delle Marche

Un patto sociale per la ricostruzione post-sisma e per lo sviluppo delle Marche

A quasi un anno dall’inizio degli eventi sismici che hanno colpito una gran parte delle Marche si sta passando dalla fase della gestione dell’emergenza al lento e faticoso avvio della ricostruzione.

Occorre ricostruire non solo edifici distrutti o danneggiati ma anche l’economia ed il tessuto sociale che sono stati devastati dal susseguirsi di un terremoto le cui dimensioni non hanno precedenti, negli ultimi secoli, per la vastità dell’area interessata.

E’ perciò indispensabile definire un progetto di ricostruzione e di sviluppo condiviso dell’economia dell’area del “cratere” e di un territorio ancora più ampio perché l’impatto non è stato solo sui Comuni direttamente colpiti ma anche su tutti gli altri della regione.

La definizione di una strategia d’area efficace impone l’individuazione di obiettivi condivisi e degli strumenti per conseguirli.

La condivisione significa compartecipazione alle fase di analisi, elaborazione, proposta di tutte le componenti, di tutti i portatori d’interesse diffuso; significa “credere e volere fortemente realizzarlo”!

Nel complesso dei 131 comuni colpiti ad agosto e ottobre quasi tre addetti su quattro (72,5%) delle imprese artigiane (15.791 imprese con 38.212 addetti) lavoravano nelle Marche. Con gli eventi sismici di ottobre si è moltiplicato per oltre sette volte il numero di addetti delle imprese artigiane dei 62 comuni colpiti ad agosto e addirittura per oltre nove volte per le Marche.

I danni subiti dall’agricoltura, dall’allevamento e dal sistema turistico-alberghiero sono noti.

Il danno all’economia marchigiana va infatti oltre il “cratere” perché anche molte imprese del restante territorio hanno subito un sostanziale danno “indiretto” all’attività. Siamo in presenza di un’area nella quale ragioni storiche di crisi di carattere strutturale si sono sommate ad un sisma che ha avuto effetti moltiplicativi perché ha distrutto infrastrutture, reti, rapporti, lacerato intere comunità, lo spostamento di oltre 30.000 marchigiani lontano dalla propria casa.

Il Parlamento, sul sisma 2016-2017, ha fatto un grande lavoro; ha introdotto sostegni nuovi o migliorato altri già sperimentati, ha saputo ascoltare le istanze dei territori e fornire mezzi e strumenti, ha messo risorse superiori ad ogni precedente.

Il quadro normativo, perfettibile come tutte le cose, è il più avanzato nella storia di questi eventi, purtroppo ricorrenti in Italia, sia in termini di fondi disponibili sia di strumenti operativi: molti di essi richiedono una pratica applicazione attraverso gli atti amministrativi del Commissario per la Ricostruzione e un forte coordinamento delle Regioni, aspetti che spesso sollevano criticità negli operatori.

Il 26 settembre scorso una mia Mozione (sottoscritta anche dagli altri colleghi del PD delle Marche e non solo) divenne la base per una successiva Mozione “unitaria” della maggioranza per impegnare il Governo su alcune linee fondamentali per fronteggiare l’emergenza e per promuovere la ricostruzione, indirizzi che il Parlamento ha ritrovato, condiviso e migliorato nei provvedimenti successivi, sia specifici (il D.L. 229/2016 e il D.L. 8/2017), sia di portata più generale (il D.L. 224/2016, c.d. Milleproroghe o il D.L. 50/2017, Manovra di Bilancio).

Oggi c’è un quadro ampio ed esaustivo di disposizioni per avviare la ricostruzione:

Da questa riflessione nasce allora il mio appello alla Regione, alle Province, ai Comuni, alla Camera di Commercio, alle Università, all’ISTAO, alle Associazioni imprenditoriali, alle Organizzazioni Sindacali, agli Ordini professionali, alle Associazioni dei Consumatori, al mondo della Cooperazione, a quello del volontariato sociale e a quello bancario di elaborare insieme fra loro un Patto sociale per la ricostruzione post-sisma e per lo sviluppo dell’economia delle Marche”.

Un Patto del quale la Regione deve essere il perno.

Dobbiamo ricostruire non solo gli edifici ma anche il tessuto sociale, attivare logiche comprensoriali (non “sovracomunali” ma “intercomunali”), concentrare lo sviluppo in un armonico mix fra un’economia che ha solidi riferimenti nell’agricoltura, nel turismo culturale e ambientale, nell’enogastronomia, nel commercio con il mondo delle Università, con l’artigianato (quello artistico in particolare), il manifatturiero di qualità, i Centri per l’innovazione e della ricerca.

Un Patto sociale per definire una strategia vincente che sappia utilizzare gli strumenti più efficaci a disposizione: la gestione in forma associata di funzioni fondamentali e servizi nelle aree del sisma; i Contratti di sviluppo; la Zona franca Urbana ecc.

Un Patto sociale per: ricostruire meglio, in sicurezza, mantenere integra la relazione con l’ambiente; ricostruire in funzione dei servizi da dare ai cittadini; ricostruire in un’ottica comprensoriale, di valorizzazione delle piccole comunità e delle loro specificità.

Un Patto sociale per ricostruire non un “presepe” bello da vedere ma disabitato bensì una comunità vitale e moderna, attrattiva anche per i giovani.

E’ una sfida ambiziosa che trova fondamento nella coesione sociale che è sempre stata un punto di forza delle Marche; è una sfida per uno sviluppo senza fratture ma anzi per ricomporle, per avvicinare le “aree interne” alla costa, la tradizione al futuro, l’ “essere” e il “saper fare” con il “ben-essere”.

E’ un’idea, una proposta ma direbbe Giorgio Gaber “Un’idea, un concetto, un’idea
finché resta un’idea è soltanto un’astrazione…”!

Perché, però, non raccogliere questa idea e fare delle Marche un modello di sviluppo sostenibile e di qualità della vita?

Un Patto sociale scritto e realizzato a più mani per far riprendere il cammino di sviluppo a tutte le Marche!

On. Piergiorgio Carrescia

Deputato del Partito Democratico

Roma, 13 giugno 2017

I principali obiettivi e strumenti della normativa sul terremoto 2016-2017

  1. la garanzia della ricostruzione dell’intero patrimonio abitativo danneggiato dal sisma nel rispetto dell’identità urbanistica ed architettonica dei luoghi, degli insediamenti produttivi colpiti ed il totale rimborso dei danni subiti e certificati: prima e seconda casa, immobili d’impresa ecc.

  2. la sospensione del pagamento dei tributi e un’adeguata gradualità nel rimborso;

  3. l’attivazione di linee di finanziamento finalizzate al rilancio delle attività produttive;

  4. la sospensione e ridefinizione dei mutui;

  5. la sospensione delle procedure di riscossione relative a contributi previdenziali e assistenziali;

  6. la sospensione delle bollette relative alle utenze ordinarie erogate dai gestori dei servizi pubblici locali; 

  7. la piena tutela dei lavoratori delle aziende colpite dal sisma che non hanno accesso agli ammortizzatori sociali ordinari o che li hanno esauriti;

  8. la busta paga “pesante”;

  9. il risarcimento del “danno indiretto”

  10. il miglioramento sismico delle opere pubbliche per le quali sia stata dichiarata l’inadeguatezza strutturale, a partire dagli interventi sugli edifici scolastici, residenze per anziani, edifici destinati a servizi essenziali per la comunità, impianti sportivi;

  11. le deroghe al pareggio di bilancio e utilizzo dell’avanzo di amministrazione;

  12. il rifacimento delle infrastrutture viarie strategiche danneggiate al fine di favorirne l’accessibilità ed il mantenimento del tessuto sociale ed economico; 

  13. le misure di sostegno agli EE.LL. con possibilità di assumere personale:

  14. il recupero del patrimonio artistico e culturale danneggiato dal sisma;

  15. la campagna nazionale di promozione turistica e culturale dei territori interessati; 

  16. il rifinanziamento del Fondo per le aree interne;

  17. la microzonazione sismica;

  18. la riconduzione della governance urbanistica della ricostruzione ai Comuni;

  19. le procedure trasparenti, white list;

  20. l’esclusione della segnalazione alla Centrale rischi della sospensione mutui bancari per causa sisma;

  21. l’istituzione Zona franca Urbana;

  22. la delocalizzazione imprese oltre i limiti comunali;

  23. la semplificazione nella gestione macerie;

  24. l’esenzione e/o proroga MUD (la c.d. denuncia annuale rifiuti)

  25. il calcolo dei valori della R.D. all’anno 2015 per ridurre l’impatto del tributo per lo smaltimento in discarica dei R.I.

  26. la compensazione TARI per i Comuni;

  27. la sospensione termini giudiziari;

  28. il riconoscimento di un ruolo attivo a Province e Unioni Montane;

  29. l’8 per mille IRPEF nazionale finalizzato al recupero beni culturali nell’area del sisma;

  30. l’una tantum a imprese professionisti (5.000 in fase di pagamento dall’INPS a 4892 beneficiari nel cratere);

  31. gli interventi di edilizia (la R.M. ha approvato il Piano scuole per complessivi 139 Me di cui 76.780.000 euro);

  32. l’acquisizione patrimonio invenduto per sistemazione accoglienza sfollati (già espletato un primo Bando per l’acquisto di 6-700 unità immobiliari da parte dell’ERAP);

  33. le risorse straordinarie del MIUR per UNICAM e UNIMC;

  34. la cessione gratuita a Comune e UNICAM del complesso delle “Casermette” di Camerino;

  35. le deroghe nella formazione delle classi scolastiche;

  36. il potenziamento degli organici scuole nell’area del sisma;

  37. la destinazione dei risparmi (47 M€) di gestione Camera dei Deputati per interventi nelle aree del sisma:

  38. l’implementazione della dotazione personale per Comuni e Uffici per la ricostruzione (da 350 a 700) e per il Parco Nazionale Sibillini.

concretAMBIENTE MarcheNews Matteo RenziNews Deputati PD
Vai alla barra degli strumenti