Terremoto, un anno dopo: cosa va, cosa non va, cosa c’è da fare

 In Blog, In evidenza, La ricostruzione

A distanza di un anno dalla grande scossa sismica che il 24 agosto 2016 ha colpito le Marche e una parte dell’Italia Centrale è tempo di un primo bilancio.

Le Associazioni “Adesso Marche” e “Cittadini in cammino” propongono nella mattinata di sabato 9 settembre a Pievetorina una giornata di approfondimento su cosa è stato fatto di buono, cosa c’è invece da rivedere e da fare per ricostruire territori ed economie.

Il format prevede due Tavole rotonde alle quali parteciperanno amministratori locali, rappresentanti di Associazioni di categoria, di Organizzazioni sindacali, di Ordini professionali, esponenti del mondo economico, universitario, urbanisti per una riflessione aperta su come ricostruire da un lato edifici, ambienti, territori e dall’altro come far ripartire le attività industriali, artigianali, commerciali, agricole e di servizio.

L’obiettivo è di offrire una riflessione che sappia evidenziare con schiettezza aspetti positivi e criticità sia a livello legislativo sia in quello gestionale che coinvolge Commissario, Regione, Province e Comuni e che, soprattutto, sappia fornire ai livelli decisionali, dal Parlamento al Consiglio regionale, utili indicazioni per passare in modo efficace dall’emergenza alla ricostruzione.

P.S. Al termine dell’iniziativa sarà possibile degustare a pranzo le specialità locali presso l’Agriturismo Sapori di campagna di Maccario Aureli, via Rancia 42 – Pievebovigliana, al prezzo convenzionato di 20 euro e previa prenotazione via sms al 3338728710 o 3355943034 entro giovedì.

Ti potrebbe interessare anche…